Sunday, February 13, 2011

L'AMANTE DI LADY CHATTERLEY


“…sentì il pene ergersi contro di lei con muta, stupefacente forza e autorevolezza. Gli si abbandonò. Cedette con un brivido che somigliava alla morte. Gli si offerse tutta…e la penetrò con una strana, lenta cadenza di pace e di una ponderosa, primordiale tenerezza...”.

Sono le parole con cui D.H. Lawrence, il grande romanziere di Eastwood, decanta la sua “mistica del sesso” nel romanzo L’Amante di Lady Chatterley (1928) che gli procurò la messa al bando del libro fino al 1960.

Già, perchè a chi di voi è capitato di leggere questo straordinario romanzo del Novecento - spero siate in tantissimi - non può che essere chiaro: ne L’Amante di Lady Chatterley rivoluzionario fu tanto l’uso della parola quanto la ricerca filosofica esistenziale a cui Lawrence aspirava: la rigenerazione dei rapporti umani attraverso l’esperienza sessuale, in un atto liberatorio e vitale. Mai nessun autore inglese fino a quel momento aveva osato avventurarsi nel sesso, dentro il sesso, descrivendolo per davvero, senza abbozzarlo o purgarlo, sganciando una bomba sul sistema di convezioni sociali che lo mise al bando per il resto dei suoi giorni.

L’Amante di Lady Chatterley contiene le pagine più erotiche e nobili sull’unione dei sessi che diventano carne e sangue, alba e tramonto assieme. Non aspettatevi dunque quel genere di letteratura d’amore che giocava col sesso, nascondendolo a arte.
No. È di amore e di passione che qui si parla. E Lawrence descrive questa esperienza attraverso un uso audace, profondo e sensuale della parola che tanto scandalo suscitò in tutto il mondo. L’Amante di Lady Chatterley è la storia di una grande esperienza erotica che, sfidando convenzioni e condizioni sociali, rende possibile il raggiungimento di una vita autentica, pura, dando voce all’istinto e al bisogno sessuale come mai nessuno fino ad allora aveva fatto.

Il poeta americano Horace Gregory disse che grazie a D.H. Lawrence nessuno scrittore, o poeta inglese, riteneva più necessario continuare la lotta, lunga mezzo secolo, per la liberazione sessuale nella letteratura inglese.  

Oggi questo libro viene considerato un grande libro della letteratura del Novecento. Bandito per oltre trent’anni…