Sunday, December 28, 2008

Tuesday, December 09, 2008

Monday, December 01, 2008

IN LIBRERIA



La raccolta comprende il racconto "La voce" di Giovanna Furio.
In libreria o su Ibs

Monday, October 27, 2008

Monday, October 13, 2008

"THE SLEEPERS" Racconti tra sonno e veglia


Non vi ho abbandonato ancora, no. Vado di corsa sì.

Ma risponderò alle vostre domande, quelle arrivate da voi, amici di sempre, e anche dai nuovi curiosi internauti.


Innanzitutto vi comunico che il 28 novembre prossimo uscirà l’antologia “The Sleepers” Racconti tra sonno e veglia, curata da Misia Donati e Ilaria L. Silvuni, Azimut Editore. La prima presentazione si terrà a Roma, in occasione della Fiera del libro, a dicembre.


Nell'antologia diciannove autori affrontano a occhi aperti il viaggio che normalmente ci vede addormentati.Tra i diciannove autori presenti c’è anche la sottoscritta, con il racconto “La voce”.


Ma vediamo chi sono gli sleeper.

[The Sleepers] è una comunità che nasce in rete da un’idea di Misia Donati (autore del romanzo “Primi riti del dolce sonno”, Zandegù Editore) e Ilaria L. Silvuni (critica letteraria) con lo scopo di indagare il rapporto tra sonno e narrazione:

- i membri della comunità si chiamano “sleeper”;

- è uno sleeper chiunque abbia un legame viscerale col sonno, inteso non più come momento di assenza o di riposo, ma al contrario come strumento di autoanalisi e di espressione creativa;

- lo scopo della comunità è quello di creare uno spazio multimediale di confronto e scambio di esperienze attraverso post, interviste e contest interattivi.

Per conoscere la comunità degli sleeper basta collegarsi al loro blog.

O andare su Myspace.com/thesleepersproject


Cose nuove.

Dunque. In verità sto lavorando a due nuovi progetti editoriali.

Al momento ha la priorità quello che sarà il mio secondo romanzo.

Inutile che vi dica il titolo ora, perché tanto è provvisorio.

Posso dirvi che sarà finito per gennaio.

Il secondo progetto è più sperimentale, ma ve ne parlerò a tempo debito.


Al momento sul mio comodino ho due libri:

1. Il ragazzo delle consegne, di McGinniss Joe jr, ed. Il Saggiatore.

2.101 cose da fare a Milano almeno una volta nella vita, di Micol Arianna Beltramini, Newton Compton Editore.


Le più belle letture dell’ultimo mese [perché nell’ultimo mese poi…siete davvero strani]:

Sicuramente:

1. Trilogia della città di K, di Kristof Agota, Einaudi [e ringrazio chi me lo ha consigliato].

2. Caro Michele, di Natalia Ginzburg, Einaudi.


Cosa guardo.

Vice 23 parlavi di film? Guardo di tutto. E non faccio distinzione di generi. Non ho voglia di appuntare la mia lista della spesa. Non vi ho postato il film visto stanotte [Seta], in cui recita Michael Pitt. Che dire? In questo film è davvero uno splendido cane… Magari un giorno vi racconterò di quando l’ho incontrato alla Berlinale…anzi, meglio di no.



E ora, care fanciulle in cerca di un nuovo look, di una nuova identità, veniamo a voi.

Vi ringrazio per la smisurata fiducia che riponete in me.

Ma io non sono una consulente di immagine…probabile che stiate leggendo il blog sbagliato...

Ma se siete alla canna del gas vi rimando a un blog eccezionale in cui potrete trovare il peggio del peggio in fatto di look. Una bussola su come sarebbe meglio NON vestirsi. Poi ognuno faccia come crede.

L'indirizzo è Malvestite.net.


Questo post è troppo lungo per i miei gusti.

A risentirci,

A.V.


P.S

L'immagine di questo post naturalmente è di Ray Caesar [Final destination].


Wednesday, October 01, 2008

The Abyss...an erotic dance scene



Titolo originale del film: Afgrunden.
Luogo: Danimarca.
Anno: 1910.
Regista: Urban Gad.
Segni particolari: censurato.
Gli appassionati del genere riconosceranno la celebre attrice Asta Nielsen.
Saluti,
A.V.

Saturday, September 27, 2008

LOU I WAS THERE FOR YOU!


E' successo il 24.
Io, Valentina, Andrea, Nadia e...Lou Reed.
Detto tra i denti: ero lì solo per lui...di Zorn, della Anderson, del Cantico dei Cantici non me ne fregava una mazza.
Sono stata brava, bravissima. Mi sono sciroppata un'ora e tre quarti di lamenti [per un racconto sui contenuti della serata rimando al resoconto di Valentina e Andrea] poi l'unico obiettivo per me era il retro degli Arcimboldi, fermare Lou Reed, guardarlo negli occhi, magari fargli firmare il biglietto del concerto e accarezzargli i capelli.
Premesso che non sono riuscita ad accarezzargli i capelli.
Ma nell'ordine: ci guardiamo negli occhi, si ferma, prende il mio biglietto e tenta di firmarlo.
Primo intoppo: anche la mia penna è s-v-e-n-u-t-a.
Lui: "oh".
Avete presente quel oh tipicamente suo, quel oh di Make up? Beh. Ce l'ho a venti centimetri dalla faccia.
Non so che pesci prendere e dico anch'io: "OHHH", maledendo la penna.
Allora il mio king chiama lo zombi a cui precedentemente aveva autografato qualcosa che credo fosse un libro. Lo chiama in qualche modo.
Al che prendo la parola: Senti scusa mi passi la tua penna?
Macchè. Lo zombi è più svenuto di me, di Vale e della mia penna.
Un altro ragazzo gli porge un pennarello...e tac...firma.
E sono strafelice.
Si infila in macchina e lo guardo mentre con gli occhi vaga per il cielo sopra Milano Greco Pirelli.
Gli do appuntamento alla prossima occasione.
Italia o USA non importa.

Sunday, September 21, 2008

GREGORY CREWDSON A MILANO


Da non perdere: Gregory Crewdson alla galleria Photology di Milano fino al 24 novembre.

Friday, September 19, 2008

ADORO

Le giappponesi prefashionweek con i loro tubini e golfini di cachemere in Piazza Duomo con 28 gradi all'ombra.

P.S.
Questa Catwoman è opera di Ray Ceasar.

Saturday, September 13, 2008

AUTUMN BLOSSOMS

Sì, l'estate è finita.
Io ho latitato parecchio.
Ma questa splendida pioggia è carica di frutti.
Pazientate cari, pazientate.
Saluti a tutti.
A.V.

Friday, August 08, 2008

A PROPOSITO DI EROTISMO NELL'ARTE



Di rientro da uno dei reading più divertenti che ricordi [andava in scena Micol B. non a caso].



Su menstyle.it invece, portale de L'Uomo Vogue, GQ, AD, Vanity Fair, Traveller, potete leggere il mio articolo, a firma G.F, che sta per Giovanna Furio e non per Grande Fratello, su sesso e arte.


Vi racconto di donne sexy e bionde, di un archivio molto speciale del vaticano, di sette sataniche e criminali.

Si tratta di Black Kiss naturalmente.
Il fumetto più scandaloso di Howard Chaykin [edito da Purple Press].
A presto!
A.V.

Monday, July 14, 2008

TOO TOUGH TO DIE

A volte ritornano, scriveva Stephen.
E i Ramones cantavano Too Tough to Die [in questo caso troppo "troppo dura per morire"].

Resto il tempo di un paio di post.

P.S
Adoro la quiete dopo la tempesta [chi se lo ricorda?].
Le gambe lassù sono di Jack Vettriano...La tentatrice ;-)

Thursday, June 05, 2008

STRANGE FRUIT

Southern trees bear strange fruit,
blood on the leaves and blood at the root,
black bodies swinging in the southern breeze,
strange fruit hanging from the poplar trees.
Pastoral scene of the gallant south,
the bulging eyes and the twisted mouth.
Scent of magnolias, sweet and fresh,
then the sudden smell of burning flesh.
Here is fruit for the crows to pluck.
For the rain to gather, for the wind to suck.
For the sun to rot, for the trees to drop.
Here is a strange and bitter crop.
[Billie Holiday]

Tuesday, May 13, 2008

LOVE TRAIN

Questa notte tra un risveglio e l’altro faccio un sogno: sono alla stazione di Helsinor, in attesa del LOVE TRAIN.

Il LOVE TRAIN, come tutti sanno, non ha un orario e neanche un itinerario se per questo. Un po’ come il 64 a Roma, con la differenza che qui, una volta terminata la corsa, non si resta mica in mutande…

No, nel LOVE TRAIN si ha la possibilità di incontrare una persona reale o di fantasia. A proprio piacere.
Sono quindi alla banchina con un paio di jeans e una t-shirt verde lega [così di moda quest’anno].

Nel sogno so di essere ubriaca – tipo di gin tonic o vodka lemon – quindi fondamentalmente sono alla banchina ma non ho la più pallida idea di chi io stia aspettando. Ma soprattutto, ed è quella la domanda che mi svirgola nella testa, se io stia aspettando davvero qualcuno.
Quindi mi siedo e inizio a limarmi le unghie, che porto sempre corte e quadrate, mai intaccate da smalto, sempre e comunque.

Quindi inizio a canticchiare I am a Vampire di Antsy Pants [colonna sonora Juno, grazie Micol!], cause I have lost my mouth again…blablablablabla.

Inizia a piovere. Niente di così bizzarro a Helsinor, alzo lo sguardo e a parte le nuvole, il vento e qualche cannone, riesco ancora a scorgere la costa svedese.

Poi arriva il LOVE TRAIN, impennando come quel ragazzo in Garelli che adoravo a sei anni, di cui ignoravo il nome e che avevo ribattezzato “il ragazzo col ciuffo”. Correva l’anno 1980 a Sesto San Giovanni.

La folla inizia ad agitarsi. Chi a strillacchiare, chi a piangere sommessamente e chi resta semplicemente a bocca aperta.
Io resto lì.
Vedo passare Justin Timberlake che si dirige spedito, piede sicuro neanche un tentennamento verso una cicciona bionda, Elvis Presley, magro e dannatamente più che ok da un Little Tony su uno skateboard, Tim Burton da quello che deve essere il wannabe director più sfigato della terra, con un berretto fluo arancione che fa impallidire gli olandesi a confronto….

Cerco con lo sguardo Lupin ma non lo trovo. Non c’è neanche quella gnocca di Margot a quanto pare.

Ad un certo punto vedo lui.
Un nanerottolo arranca verso di me. Ha un paio di jeans attillati neri e una camicia aperta col pelo che viene fuori.
Ha un ombrello azzurro e bianco [tipo Lazio, ma ancora più inconsistente].
I capelli brizzolati. Più si avvicina e più si fa nano.
Mi raggiunge e mi si para davanti…sono ubriaca ma lo riconosco all’istante: è CARMELO! Il maestro delle elementari, sezione D.
Sto per dirgli “Hey ciao Carmelo, ma che ci fai tu qui?”, quando mi fa un baciamano e con quel suo accento smaccatamente siciliano misto a qualcosa di indefinito mi dice:

Amleto, al suo servizio, principessa.

Io:
Ma Carmelo, cazzo dici?! Sono io, quella della sezione A, quella che non ne voleva sapere della tabellina del sette. Ti ricordi?

Lui:
Principessa, io sono il principe e mi curo solo di sostanza. E lei ha più sostanza del sette.

Non so cosa potrei mai rispondere a Carmleto.

Un pò impacciata cerco di liberarmi di questo mostro [tipo E.T con i capelli però].

Allora inizio a rincorrere Beethoven, dio Beethoven, il mio preferito, che è in fuga assieme a Brahms.

Lo fermo e gli dico:
Tipregotipregosuonamiqualcosa!

Lui continuando a correre mi dice:
Ho solo un minuto per pisciare. Bitte. E tra pochi secondi devo ripartire.

Mi volto e il Love Train impenna, Beethoven con il coso fuori dai pantaloni si catapulta nella carrozza 5, direttamente vagone ristorante.

Da un finestrino aperto Justin Timberlake mi urla:

Forgive me! It was you not her!

Porcadiquellavacca dico nel sogno mentre mi irrigidisco alla vista di Carmleto che con quelle sue gambette corte non riesce a salire sul treno, cade e resta a terra.

Credo di essermela squagliata in men che non si dica, ubriaca o no.

Sunday, May 04, 2008

LA FAVOLA

Vi canterò la storia
dell'amore arrabbiato
tra due mostri scavato nell'odio;

insieme per anni
come sulle vette più alte
i quasi alberi-quasi cancro
che si contendono
l'estremo tepore di vita
nel sassoso contesto di freddo

per anni si strapparono
la vita di dosso
l'un l'altro
lentamente rito.

Questa tensione alla morte
era un amore.
Un amore geniale.

[Claudia Ruggeri da "Inferno Minore"].

Wednesday, April 30, 2008

ZUR VORSICHT RATEN

Voglio il vapore acqueo
per annegare le distanze
affondare reminescenze
che boccheggiano in formato scatola cinese
nel fondo di una vasca.

Monday, April 28, 2008

BLOODYGIRL

Non avrei mai immaginato
di ricevere fiori

[in odore di crisantemI]

Saturday, April 05, 2008

AL MIART

Succede al MiArt.
Annoiata a morte dalla solita vecchia carne mi lascio catturare dalla simpatia di Riccardo Perrone, che mi lascia con questa massima:

La vita è una tempesta,
prenderla nel culo un lampo.
Ora capisco perchè ho un debole per i tuoni...
Spietatamente vostra,
A.V.

Sunday, March 16, 2008

18-27 MARZO MANGIAMI L'ANIMA E POI SPUTALA

Le Fibre Parallele sono tornate.
A Roma.
Con Mangiami l'anima e poi sputala, spettacolo di e con Licia Lanera e Riccardo Spagnuolo.
Ispirato dall'omonimo romanzo.

L'appuntamento è al Colosseo Nuovo Teatro - Roma - via Capo d'Africa 29/A dal 18 al 27 marzo ore 21.
Info: 06.7004932

Thursday, March 13, 2008

Tuesday, March 11, 2008

THE BURIAL OF THE DEAD


Madame Sosostris, famosa chiaroveggente,
aveva un brutto raffreddore, ciononostante
è conosciuta come la donna più saggia d'Europa,
con un perfido mazzo di carte. Eccoti, disse,
la tua carta, il Marinaio
Fenicio annegato, (sono perle che erano i suoi occhi. Guarda!).
Qui è Belladonna, la Signora delle Rocce,
la signora delle situazioni.
Ecco l'uomo con le tre aste, e qui la Ruota,
ed ecco il mercante orbo da un occhio, e questa carta,
che è bianca, è qualcosa che lui porta in spalla,
che mi è vietato vedere.

Non trovo l'Impiccato.
Temi la morte per acqua.
Vedo folle di gente che camminano in cerchio.

Grazie. Se vedi la cara signora Equitone,
dille che le porterò l'oroscopo io stessa:
si deve essere prudenti di questi tempi.


["The Waste Land", T.S. Eliot]
[Pict: "Torch Singer", James Zar]

Sunday, March 09, 2008

MORTE APPARENTE



[Foto: Gregory Crewdson]

Monday, February 25, 2008

FATA VERDE VS IENA

Ogni momento è sempre buono per ricevere lettere.
In verità si tratta di una mail, una mail che sa di lettera.
Grazie a chi mi scrive, grazie a chi legge il mio libro tra il cambio di un treno e l'altro e sogna fate verdi.
Io non sono fata, probabilmente sono più iena, con un vestito sicuramente verde cucito addosso.

A chi mi chiede dove potermi incontrare...il 1 marzo prossimo dalle 18.30 alle 22 sarò all'opening della Purple Room, lo spazio dedicato al libro d'artista della neo casa editrice Purple Press. Per l'occasione sarà presentato il libro di Bjorn Hegardt "Evidence from beneath". La cosa più interessante è che Bjorn, artista norvegese che vive e lavora a Berlino, parteciperà all'evento.

Per chi avesse tempo e voglia.
Intanto...i miei saluti,
vs A.V.

Purple Room
Via delle Vestali 15/A
Roma
www.purplepress.it

Sunday, February 10, 2008

A PROPOSITO DI DIO

Qualche post fa avevo lasciato un commento su un colloquio con Dio che suonava più o meno così: NON FACCIO MIRACOLI, FACCIO SOLO PULIZIE.

Ora, vorrei ricordare a quell'idiota che si crede Dio di preparare l'occorrente per pulirmi casa....
No?
A.V.

Tuesday, January 15, 2008

BITCH - MIGUEL ANGEL MARTIN A ROMA

Sabato 19 gennaio debutta la casa editrice Purple Press con la presentazione del volume a fumetti BITCH dell'autore spagnolo MIGUEL ANGEL MARTIN. La presentazione avverrà presso la Mondo Bizzarro Gallery di Roma che per l'occasione allestirà una mostra con gli originali del fumetto.MIGUEL ANGEL MARTIN sarà presente per incontrare il pubblico.
La sottoscritta venerdì 18 sarà a Fiumicino, assieme ad Alessandra (immaginatevi una Cleopatra in chiave moderna) a prelevare Miguel...

Ovviamente vi aspetto sabato alle ore 18 da Mondo Bizzarro.
Alla prossima.


Bitch è una giovane graffitista impegnata in una battaglia a colpi di tag con Heartbeat, misterioso rivale che riesce a stare sempre un passo avanti alla nostra eroina dai capelli rosa shocking. Assieme a lei, Amin, un giovane dj omosessuale di origine saharawi e Blondi, una ragazza vegana militante animalista.Tra manifestazioni contro la guerra, rave party a base di musica tecno e nottate passate a realizzare i propri pezzi sui muri della città, Bitch incontra personaggi di tutti i generi: terroristi palestinesi, artisti della mutazione corporea, naziskin underground e rospi radioattivi.Miguel Ángel Martín descrive un’Europa del futuro che assomiglia in maniera allarmante a quella di oggi. La polizia sperimenta nuove, micidiali armi per disperdere le manifestazioni, i centri commerciali saltano per aria e la vita di Bitch e dei suoi amici non sarà più la stessa.

Friday, January 11, 2008

2008-01-11

Dovrò pur ammetterlo.
Prima o poi.
Facciamo poi, però.
Perchè prima potrebbe essere troppo affrettato.

Allora comincio con qualche novità:

lo spettacolo delle Fibre Parallele "Mangiami l'anima e poi sputala" sarà in cartellone al Teatro Nuovo Colosseo - Roma - dal 10 al 17 marzo per una settimana di repliche.

Il mio racconto "Donna con pistola" uscirà questo mese in una raccolta antologica edita dalla Perrone Editore.

Tutto il resto verrà...prima o poi!

Un piccolo schiaffo sul labbro per tutti.

A.V.